0

Fritto misto e guerra fredda

Posted by ceoweb on feb 5, 2017 in Cucina, Uomini e Donne, Varie, Viaggi & Miraggi

Agosto 2016, in vacanza con gli amici presso uno dei luoghi più esotici e sensuali della penisola.

Decidiamo di approfittare di una rinomata rosticceria in zona per risolvere la cena con qualche sfiziosa specialità locale. Le ragazze del gruppo mi incaricano di gestire le ordinazioni al telefono, mentre si crogiolano al sole a bordo piscina.

Subito, principesse. Provvedo subito.

Chiamo, mi qualifico e spiego alla gentile interlocutrice la situazione; indi poscia ordino arancini (o arancine?) per tutti e aggiungo dieci porzioni di insalata di polpo.

Dice “Sì ma quanta gliene preparo?”

Rimango interdetto; sono sicuro di aver parlato con voce stentorea e in un buon italiano, per lo meno comprensibile. Vabbè, magari la comunicazione è stata disturbata dall’interferenza di qualche scia chimica o dalle intercettazioni di rettiliani che tramano per invadere la terra; meglio portare pazienza e proseguire sulla strada del dialogo.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , ,

 
-

La palestra in casa

Posted by ceoweb on nov 8, 2015 in Sport, Varie

Tutto è cominciato alcuni secoli fa, quando ero un ggiOvane ed esuberante palestraro.

All’epoca c’erano solo manubri, bilancieri e qualche carrucola: Spinning, Pilates, Thermarium et similia erano figosità molto di là da venire.

Qualche minuto di riscaldamento e via, a sollevare il mondo.

Bei tempi…

Poi gli impegni, il lavoro, gli amici, le donne, gli spaghetti alla carbonara, le invasioni di locuste e le serie TV hanno pian piano minato passione e dedizione: la vita ha avuto il sopravvento e inesorabilmente panca piana e manubri sono spariti dalla quotidianità.

Le antiche passioni però non si dimenticano: da qualche anno ho ripreso ad iscrivermi in palestra, anche se oggi, più che palestre, sono lussuosi templi dedicati al fitness la cui quota di iscrizione mensile somiglia molto all’importo necessario per affittare un superattico in centro.

Peccato che poi ogni anno va a finire allo stesso modo: frequento per un mesetto scarso e il resto mancia.

L’ideona

Allora ho deciso di dare una svolta. Mi sono fatto la palestra in casa.

Read more…

Tag:, , , , , ,

 
-

Italiani al volante – Bestiario Breve (Parte II)

Posted by ceoweb on mag 17, 2015 in Varie, Viaggi & Miraggi

Come in molti altri aspetti della loro vita quotidiana, gli italiani al volante sono piuttosto folcloristici. Non sanno guidare, ma in questo post non si parlerà di controsterzo o di acquaplaning: il tentativo sarà quello di redigere un bestiario di tipologie di automobilisti, ad uso ludico e antropologico.

Anche questa seconda parte del decalogo trae spunto dal colorito repertorio di curiosi personaggi incrociati in tanti anni di chilometri macinati tra le strade italiane, isole comprese.

Ndr: per comprendere il pathos dell’autore nel descrivere tali fenomeni, è importante sottolineare che per una coincidenza a dir poco straordinaria egli si ritrova a convivere con tutte le categorie di seguito elencate ogni volta che guida. Anche se esce col suo gatto delle nevi da un igloo alle tre del mattino, in pieno circolo polare artico.

I pirlotti da autostrada

Autostrada trafficatissima: state sorpassando una doppia colonna di TIR che finisce oltre l’orizzonte e davanti a voi stanno facendo la stessa cosa altre centinaia di automobilisti. Se all’improvviso vedete nello specchietto una faccia da beota e notate che la vostra targa posteriore si trova a tre centimetri dai suoi fanali, allora lo avete trovato: è il tipico “pirla da autostrada”.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

 
-

Italiani al volante – Bestiario Breve (Parte I)

Posted by ceoweb on mag 1, 2015 in Varie, Viaggi & Miraggi

Come in molti altri aspetti della loro vita quotidiana, gli italiani al volante sono piuttosto folcloristici. Giusto per evitare equivoci meglio chiarire subito il giudizio sotteso: i miei connazionali non sanno guidare. Tuttavia in questo post non si parlerà di controsterzo o di acquaplaning: il tentativo sarà quello di redigere un bestiario di tipologie di automobilisti, ad uso ludico e antropologico.

L’elenco trae spunto dal colorito repertorio di curiosi personaggi incrociati in tanti anni di chilometri macinati tra le strade italiane, isole comprese.

Ndr: per comprendere il pathos dell’autore nel descrivere tali fenomeni, è importante sottolineare che per una coincidenza a dir poco straordinaria egli si ritrova a convivere con tutte le categorie di seguito elencate ogni volta che guida. Anche se esce col suo gatto delle nevi da un igloo alle tre del mattino, in pieno circolo polare artico.

I cavernicoli tecnologici

Sarà capitato anche a voi di incrociare ingombranti SUV o prestigiose berline che sbandano incerte, zigzagando tra marciapiedi e semafori, guidate da italioti al telefono, con il cellulare attaccato alle orecchie come negli anni ‘90.

Read more…

Tag:, , , , , , , , ,

 
-

La compagna di viaggio

Posted by ceoweb on ott 19, 2014 in Uomini e Donne, Viaggi & Miraggi

L’avventura è cominciata in aeroporto, al rientro da Bari, in una uggiosa serata veneta.

Di solito, dopo l’atterraggio, mi godo il calo di tensione legato al termine della trasferta e alla voglia di tornare a casa.

E’ una bella sensazione, quasi fisica, quasi rumorosa, tipo la cima di una barca che trasuda salsedine, strizzata dalla forza delle correnti.

L’altra sera tuttavia un disguido logistico e una compagna di viaggio interessante hanno reso l’ultima parte del viaggio un po’ speciale.

Il disguido era un errore nella prenotazione della navetta che mi avrebbe dovuto riportare dall’aeroporto a casa; la compagna di viaggio è apparsa mentre l’autista ed io cercavamo una soluzione.

Con guizzo da istriona è entrata in scena per confermare la sua prenotazione e ha aggiunto provocatoriamente che secondo lei tutti i passeggeri non presenti in lista, errori o non errori, li si sarebbe dovuti lasciare in aeroporto. Poi è uscita per attendere la partenza vicino al taxi, sogghignando del divertito stupore, mio e dell’autista.

Read more…

Tag:, , , , , ,

 
-

John Williams – Stoner

Posted by ceoweb on set 21, 2014 in Libri

Mi è stato consigliato da una amica, appassionata lettrice e recensore più che affidabile: me ne ha parlato con un entusiasmo tale che non ho potuto fare a meno di procurarmelo il giorno stesso.

L’ho iniziato in treno, durante uno dei miei tanti viaggi di lavoro; mi ha conquistato subito e l’ho divorato in due giorni, nonostante la trama descritta nelle alette del libro promettesse ben pochi colpi di scena.

Il libro, a dispetto del canovaccio di fondo all’apparenza poco avvincente, mi ha regalato forti emozioni e si è prepotentemente guadagnato il primo posto nella mia personalissima classifica delle letture nel 2014.

Sinossi

Primi decenni del novecento. Un ragazzino americano, figlio di contadini poveri, viene mandato dal padre, con non pochi sacrifici, a frequentare l’università della Columbia. Facoltà di agraria, ovviamente, in previsione di future applicazioni nei campi di famiglia.

Il difficile approccio con i libri del giovane ma testardo agricoltore finisce di colpo quando viene folgorato quasi per caso dal fascino potente della letteratura. Una lezione e una frase in particolare cambieranno la sua vita.

“Shakespeare le parla attraverso tre secoli di storia, Mr Stoner. Riesce a sentirlo?”.

Read more…

Tag:, , , ,

 
1

I furbetti dei social network

Posted by ceoweb on set 7, 2014 in Media e comunicazione, Tecnologia, Varie

Come è giusto che sia anche i social network e i blog monetizzano la propria popolarità attraverso pubblicità e sponsor, con il vantaggio di poter vendere una profilazione per utente che i media tradizionali non possono nemmeno sognarsi.

Fin qui tutto bene, al netto della consapevolezza degli utenti riguardo al trattamento dei dati.

A sorprendere, ultimamente, sono gli inserzionisti e i prodotti sponsorizzati: non ci sono solo le classiche multinazionali del cibo, del web, della tecnologia o dell’automotive, che stanno bene con tutto e danno anche un certo tono internescional

No no.

Ultimamente proliferano inserzioni tali da imbarazzare persino i ceffi che con il gioco delle tre carte provano a spennare passanti nelle aree di sosta degli autogrill.

Il “click baiting”

Si tratta di link a pagine  web dai contenuti irrilevanti che cercano disperatamente di elemosinare un click o una visita, sia pure per sbaglio, per pietà, o giocando su una goffa promessa di contenuti appetibili tramite leve marketing da quattro soldi.

Read more…

Tag:, , , , , ,

 
1

New York – Diario di viaggio (parte terza)

Posted by ceoweb on ago 17, 2014 in Viaggi & Miraggi

Terza ed ultima parte del diario di viaggio alla scoperta della Grande Mela, della città che non dorme, dell’ombelico economico e culturale del mondo occidentale, della meta preferita, ogni anno, da milioni di turisti, di ogni parte del mondo. Tutto il resto è noia.

Per leggere la prima parte del diario di viaggio a NYC clicca QUI.

Per leggere la seconda parte del diario di viaggio a NYC clicca QUI.

Financial District

La borsa, il mitico Stock Exchange, la leggendaria Wall Street, il Charghing Bull, i luccicanti grattacieli in vetro e acciaio delle società finanziarie e delle banche: sono tutte icone del nostro immaginario che fanno parte del mito di NYC, quindi una visita è d’obbligo.

The charging bull: a proposito della celeberrima scultura bronzea del toro, ormai simbolo internazionale della borsa americana e dei mercati finanziari in generale, cui tutti i turisti vanno a toccare gli attributi (gesto considerato di buon auspicio), è interessante sottolineare un paio di curiosità. La scultura è di un artista italiano (Arturo di Modica), che l’ha creata e piazzata in loco senza alcun permesso in una notte del 1989, per simboleggiare l’energica reazione dell’economia americana al crollo della borsa del 1987. Nonostante la mancata autorizzazione, il toro non è mai stato rimosso ed è divenuto il simbolo del potere finanziario e del capitalismo americano.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

 
-

New York – Diario di viaggio (parte seconda)

Posted by ceoweb on ago 10, 2014 in Viaggi & Miraggi

Seconda parte del diario di viaggio alla scoperta della Grande Mela, della città che non dorme, dell’ombelico economico e culturale del mondo occidentale, della meta preferita, ogni anno, da milioni di turisti, di ogni parte del mondo.

Tutto il resto è noia.

Per leggere la prima parte del diario di viaggio clicca QUI.


New York – Cosa vedere

L’elenco di cose da fare e da vedere, in assoluto, è molto lungo. Siamo nella metropoli forse più cool del globo. Mi limiterò in questa sede ad elencare le immagini e le esperienze che più hanno colpito o entusiasmato la mia sensibilità di viaggiatore. Un elenco parziale e opinabile forse, ma genuino e vissuto.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , ,

 
-

New York – Diario di viaggio (parte prima)

Posted by ceoweb on ago 3, 2014 in Viaggi & Miraggi

Inutile indugiare in preamboli leziosi: stiamo parlando della Grande Mela di John J. Fitgerald, della città che non dorme, dell’ombelico economico e culturale del mondo occidentale, della meta preferita ogni anno, da milioni di turisti, da ogni parte del mondo.

Tutto il resto è noia.

Prima di entrare nel vivo del diario di viaggio è opportuno soffermarsi su alcune premesse, utili sia per i ventisei lettori abituali che per quelli occasionali, capitati qui per caso o in previsione di un viaggio oltreoceano:

- Troverete in questo post sensazioni, atmosfere e sapori della mia personale esperienza di viaggio. Tutto ciò che avrò dimenticato o scientemente omesso, cercatelo nelle innumerevoli guide reperibili ovunque.

- Le parole scritte in rosso contengono un link, relativo ad approfondimenti su luoghi o fatti riportati (sono siti web da me consultati, privi di malware e attivi al momento della pubblicazione).

- Vista l’importanza della meta prescelta e le tante cose da dire e commentare, questa volta il diario di viaggio verrà suddiviso in più parti, ovviamente collegate tra di loro e pubblicate a cascata.

- Riguardo ai preziosi suggerimenti e alle svariate “chicche” generosamente distribuite in questo e nei prossimi post, potete dilungarvi a ringraziare nei commenti.

E ora veniamo a noi.

Read more…

Tag:, , , ,

 
1

Piccole irritazioni quotidiane

Posted by ceoweb on giu 2, 2014 in Varie

Ci sono taluni piccoli fastidi che si insinuano tra le pieghe del quotidiano come note stonate in grado di rovinare gli accordi dell’umore, a volte per qualche istante, a volte graffiando lo spartito per tutta la giornata. Inezie, per carità. Ma, come diceva il buon Totò, è la somma che fa il totale: avete presente Michael Douglas durante il suo giorno di ordinaria follia?

Immaginate di essere in coda per concludere qualche operazione che mediamente richiede pochi minuti. Poi immaginate che a dispetto di ogni statistica e di ogni calcolo delle probabilità le persone davanti a voi ci mettano tempi inspiegabili. A meno che non siate impegnati in una appassionata conversazione con Kate Beckinsale l’attesa può risultare oltremodo irritante.

Qualche esempio in ordine sparso, tanto per gradire. Cominciamo dal cinema.

La coda al cinema

Quanto ci vuole ad acquistare un biglietto? Un minuto? Due? Vogliamo esagerare e dire tre? Bene, ecco cosa succede quando in coda mi ci metto io, con due persone davanti.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , ,

 
-

Volevo essere tra i primi

Posted by ceoweb on apr 13, 2014 in Media e comunicazione, Tecnologia, Varie

All’inizio non ci credevo. Non ci volevo credere.

Quando in TV o sui giornali raccontavano di persone accampate fuori da un punto vendita per tutta la notte, in attesa della vendita di uno smartphone, di un libro, di una console, o di qualunque altro oggetto, davo per scontato che fossero furbe azioni di marketing virale organizzate per far circolare sui media il nome di un nuovo prodotto.

Invece poi, in una tranquilla mattinata come tante altre, mi ci sono trovato in mezzo. Era tutto vero.

Dovevo cambiare un bene difettoso in un centro commerciale e sono stato fagocitato da una folla di folli che attendevano da ore il momento della vendita di un prodotto tecnologico come tanti altri, ma con particolare “appeal” modaiolo. Erano proprio persone vere, consumatori reali, non comparse pagate da agenzie di pubblicità.

Read more…

Tag:, , , , , , , ,

 
1

Consigli per gli acquisti

Posted by ceoweb on mar 16, 2014 in Media e comunicazione, Varie

Il mio curioso peregrinare tra le infinite sfaccettature del mondo della comunicazione mi porta spesso ad esplorare, tra le altre, la nicchia creativa legata agli spot e all’advertising in generale. Chi volesse affrontare lo stesso periglioso percorso si premuri di affinare le ricerche e di selezionare con cura le tappe del viaggio: il rischio di farsi cadere le braccia è oltremodo elevato.

Sia chiaro: non è facile esprimere creatività in una manciata di secondi, regalare ironia attraverso una immagine o irradiare eleganza usando poche parole, ma è pur vero che alcuni spot e alcuni slogan sono piccoli capolavori. La differenza la fanno i talenti e le capacità, come sempre.

Sarà la moltiplicazione planetaria ed esponenziale dei messaggi veicolati, sarà l’imbarbarimento del genere umano, o tempora o mores, sarà la contrazione del messaggio in pochi secondi, sarà che ogni livellamento tende a manifestarsi più facilmente verso il basso, ma la qualità media oggi espressa appare piuttosto sconfortante.

Lo spot delle merendine

E’ una merendina per futuri obesi cardiopatici che frignano per avere dei pupazzetti splatter e tengono in pugno genitori con la personalità di un budino. Allora mettiamo dei mostriciattoli vomitosi in gomma puzzolente nella confezione e mostriamo un fattore che munge le vacche a mano. Certo, la merendina è fatta mischiando polvere di pneumatici con peli di cammello radioattivo, ma son dettagli: alla casalinga di Voghera basterà vedere qualche immagine bucolica e la scritta “BIO” per correre al supermercato. Sarà un successo…”

Applausi, strette di mano, pacche sulle spalle. Molto bene.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

 
-

Catene e carne in scatola

Posted by ceoweb on feb 1, 2014 in Media e comunicazione, Tecnologia, Varie

Spam e catene di Sant’Antonio hanno in comune una interessante etimologia. Per il resto sono un triste indice della pochezza che attanaglia il mondo e di come l’ingenuità delle masse riesca a piegare strumenti tecnologici quasi miracolosi ad un utilizzo becero e dannoso.

Spam: prende nome da un surreale (e ormai mitico) sketch dei Monty Python che ha reso la nota marca di carne in scatola “Spam”, sinonimo di bombardamento commerciale molesto e indesiderato: una splendida antonomasia di origine comica, attuale anche e soprattutto nell’era di internet. Lo sketch vedeva una petulante cameriera proporre ad una coppia di clienti un menu in cui ogni piatto era farcito di carne Spam (“uova e Spam, uova pancetta e Spam, uova pancetta salsiccia e Spam, Spam Spam fagioli in scatola e Spam” etc.).  Cercatelo in rete e guardatelo, vi toglierete uno sfizio.

Catene di Sant’Antonio: traggono il proprio nome dalla antica abitudine di inviare missive (quindi posta ordinaria, lettere scritte a mano, per intenderci) ad amici o conoscenti, chiedendo loro di recitare preghiere. Il tutto al fine di ottenere un presunto vantaggio ultraterreno da parte dei Santi stessi, riconoscenti per il numero esponenziale di preghiere generato dai vari alimentatori della catena. La ragione per cui è stato scelto il nome del celeberrimo Santo di Padova immagino sia solo statistica: Sant’Antonio è uno dei santi con il numero di devoti più elevato in tutto il mondo.

Molto bene. Ma come funzionano?

Read more…

Tag:, , , , , , ,

 
5

Londra – Diario di viaggio

Posted by ceoweb on ott 20, 2013 in Viaggi & Miraggi

“Tired of London, Tired of Life”, sostengono orgogliosi i londinesi.

Concetto forse un filino presuntuoso, siamo d’accordo. Ma dopo aver trascorso qualche giorno nella capitale della perfida Albione mi tocca ammettere, sottovoce e senza che mi sentano oltremanica, che l’impatto con Londra lascia addosso una sensazione molto simile a quella evocata dal borioso slogan.

Come al solito il mio diario di viaggio vorrebbe evocare atmosfere, sensazioni e profumi legati all’itinerario, con qualche consiglio o indicazione utili; dove vedete le parole in rosso cliccate: c’è un link. Per il resto rimando alle centinaia di guide presenti in rete (eccone alcune: VisitlondonQuilondraLondraweb) o in libreria. Chi poi volesse informazioni più dettagliate riguardo al mio tour può contattarmi tramite questo meraviglioso blog.

Londra – Dove alloggiare

Va detto che gli hotel a Londra sono cari come il fuoco e mediamente non valgono i soldi spesi, se valutiamo con i parametri italici. Read more…

Tag:, , , , ,

 
1

Viaggi aerei e dinamiche di massa

Posted by ceoweb on ott 6, 2013 in Varie, Viaggi & Miraggi

Viaggio molto, per lavoro e per diletto, quindi mi capita spesso di utilizzare l’aereo. Le trasferte frequentissime, i molti check-in, la familiarità con tutti gli scali e le procedure, mettono il viaggiatore abituale in una posizione privilegiata: permettono di osservare tutti gli altri col distacco di chi non vive quella particolare emozione solitamente legata al viaggio aereo occasionale.

Per esempio si sviluppa uno strano sesto senso che permette di riconoscere a prima vista gli altri viaggiatori abituali: sarà l’indifferenza rispetto al contesto, il fatto che non si guardino molto in giro, che non ascoltino ogni avviso dell’altoparlante, che non abbiano lo sguardo acceso dalla magia del viaggio, che rimangano immersi nei laptop, negli smartphone o nei libri anche mentre dietro i vetri decolla un Airbus. Fatto sta che risultano subito riconoscibilissimi.

E poi saltano all’occhio alcune dinamiche piuttosto irrazionali e curiose riguardanti la maggioranza dei viaggiatori occasionali. Magari non ci si fa caso frequentando saltuariamente gli aeroporti, ma sono così buffe che a volte davvero sembrano persino comiche. Sembrerà che io stia esagerando o romanzando ma è tutto vero. Prendete un volo aereo e poi sappiatemi dire.

Read more…

Tag:, , , ,

 
1

Helsinki e Tallin – Diario di viaggio

Posted by ceoweb on set 22, 2013 in Varie, Viaggi & Miraggi

Non era un viaggio programmato: è stato un colpo di coda inaspettato durante gli ultimi giorni di ferie. Spesso le cose improvvisate sono quelle che riservano più sorprese ed emozioni, quindi ho accettato con entusiasmo la proposta: un veloce blitz ad Helsinki, la figlia prediletta del Baltico, con escursione a Tallinn.

Finlandia ed Estonia mi mancavano. Come di consueto cliccando sulle parole evidenziate in rosso si apre un link a siti web che potrebbero fornire informazioni utili.

Il clima

Già dal primo contatto con la città, in aeroporto, il mio entusiasmo è salito vertiginosamente: sfiancato dalla invivibile afa padana, la goduriosa estate finlandese mi ha fatto rinascere! Da giugno ad agosto il sole scalda per tutta la giornata e la sera si dorme sotto il piumino. Ecco, magari dopo settembre riparliamone…

La città

Avete presente una qualsiasi città italiana con circa 600.000 abitanti? Ecco, cancellate l’immagine dalla mente. La Finlandia è la patria di Alvar Aalto; è il Paese con il più elevato numero di architetti di fama mondiale in rapporto alla popolazione; è il regno del funzionalismo radicale: tutto è a misura d’uomo, razionale, ed esteticamente curato.

Read more…

Tag:, , , , ,

 
-

Glenn Cooper – La biblioteca dei morti

Posted by ceoweb on ago 18, 2013 in Libri

Opera prima dello statunitense Glenn Cooper, è un romanzo in bilico tra il poliziesco d’azione e l’avventura fantasy; uscito nel 2009, oggi si trova in edizione economica e per gli amanti del genere può essere considerato una piacevole lettura sotto l’ombrellone.

Trama

Will Piper, un detective dell’FBI, si trova ad indagare sui delitti di un presunto serial killer soprannominato “Doomsday” che invia alle sue vittime una cartolina con una bara e con la data della loro morte. Le morti tuttavia avvengono con modalità e in circostanze e luoghi sempre diversi, difficilmente riconducibili alla stessa mano. Se non fosse per le cartoline nessun investigatore al mondo collegherebbe i vari omicidi tra di loro. Un caso complicato, insomma. Un rompicapo quasi inspiegabile.

Ben presto però le indagini porteranno Will a scoprire che dietro i delitti si celano segreti assai più sconvolgenti dell’identità di un serial killer. Rivelazioni classificate oltre ogni livello di riservatezza, che lo porteranno a indagare dove mai avrebbe immaginato. Tutto messo a repentaglio dal movente più banale del mondo: l’avidità di un omuncolo in cerca di riscatto e di tanti soldini fruscianti.

Nel volgere di pochi giorni viene quindi alla luce una verità sconvolgente, che millenni di dibattiti filosofici e religiosi non sono stati in grado di sviscerare fino in fondo. Una verità in grado di far tremare i polsi all’intero genere umano, e di fronte alla quale la scienza e la ragione non sono in grado di trovare risposte adeguate.

Read more…

Tag:, , , , , , ,

 
-

Il ristoro dello spirito

Posted by ceoweb on ago 4, 2013 in Media e comunicazione, Varie

(Sottotitolo: Serata poetica di mezza estate in salsa patavina)

Il ristoro dello spirito può arrivare da diverse vie e in diversi modi.

Ad esempio attraverso stimoli ambientali sviliti dai luoghi comuni ma intatti nel loro reale potere evocativo, come un tramonto al mare o l’alba in montagna o una stellata notturna, magari vista dal pozzetto di una barca a vela. Scenari che cullano le anime sensibili, disposte a lasciarsi accarezzare dal languore e portare lontano dai pensieri.

Oppure il ristoro può derivare da sensazioni fisiche che si infiltrano tra le cellule fino ad invedere i pensieri. Da un semplice contatto fisico, quando il corpo e la mente ne sentono la necessità; o dalle montagne russe sentimentali legate all’amore, in qualsiasi forma ci venga regalato dal destino.

A volte invece il ristoro sgorga inarrestabile e inaspettato da piccole cose o gesti o emozioni: il piacere di oziare più del dovuto di tanto in tanto, una foto ben riuscita, un brano ben eseguito al pianoforte, una lettura che solletica la mente, un gesto atletico elegante o esplosivo, una sinfonia sublime, un vino delizioso, una musica, una canzone, un piatto prelibato, un film, una meraviglia tecnologica, un profumo, un ricordo, il sorriso di un amico, lo sguardo di una donna. La bellezza, insomma, comunque si presenti.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

 
-

Quinto Potere – Atto quarto

Posted by ceoweb on lug 7, 2013 in Media e comunicazione, Varie

Guardo saltuariamente la televisione, quel tanto che basta per conoscerla senza compromettermi. Frequento il mondo dell’(ex) tubo catodico anche di riflesso, leggendone qua e là, soprattutto in rete. Ho comunque elementi sufficienti per divertirmi a salire sul pulpito e lanciare i miei strali contro alcuni utilizzi del più straordinario e potente mezzo di comunicazione del ventesimo secolo (ora c’è un concorrente altrettanto stupefacente, che state sfruttando per leggere il post…).

Quarto strale – I tormentoni

Casta, spread, credibilità internazionale, inciucio, debito pubblico, cuneo fiscale, mucca pazza, regole d’ingaggio, bond argentini, aviaria, biscaggina, aids, immigrazione clandestina, pressione fiscale, terrorismo, corruzione, energia nucleare, escort, crisi, derivati, tsunami, rischio default, privilegi, pensioni, questione morale, inchino, scatola nera.

Si potrebbe continuare per pagine intere.

Read more…

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Copyright © 2017 L'angolo del Ceo All rights reserved.
Desk Mess Mirrored v1.4.5 theme from BuyNowShop.com.